logo

Journal of Silviculture and Forest Ecology

 
Forest@ - Journal of Silviculture and Forest Ecology
vol. 4, pp. 142-143 (Jun 2007)

Editorials

*The selection process for research positions in Italian Universities

Paolo MenozziCorresponding author

 

Abstract

A comment on the procedures for the appointment of researchers in Italian Universities.

Keywords: University, Research Position, Appointment, Peer Review

 

In queste settimane vengono finalizzate le nuove procedure per il reclutamento dei ricercatori nei nostri Atenei e penso sia utile stimolare la riflessione su questo importante passaggio. Sono convinto che pochi di noi siano soddisfatti delle procedure attualmente usate e che la stragrande maggioranza auspichi un loro miglioramento.

Mi spingerei oltre e direi che molti di noi vivono un profondo disagio verso i nostri sistemi di reclutamento.

Personalmente ritengo che sia uno dei punti cruciali che rendono le istituzioni accademiche deboli nel portare a termine la loro missione di creazione di conoscenza e di formazione della nuova classe dirigente del paese. Ritengo sia cruciale che ogni membro della comunità accademica nazionale si renda conto dell’importanza del modo come sono scelti coloro che daranno continuità alle istituzioni di ricerca.

In estrema sintesi i cambiamenti proposti (almeno inizialmente) erano di grande rilevanza: eliminazione della prova scritta, francamente anacronistica e aperta in modo ovvio ad abusi manipolativi sostituita da una “peer review” con il coinvolgimento di ricercatori non italiani, e introduzione di una attribuzione di responsabilità legata al superamento della conferma in ruolo del vincitore che prevedeva, in caso di risultato negativo, una sanzione economica per l’Ateneo.

Ci si avvicinava alla situazione di molti paesi in cui, alla autonomia della scelta del personale, è associata una concreta responsabilità. Non è un caso che quando ci si confronta su questo tema con colleghi stranieri si fa perfino fatica a spiegare loro le scelte spesso sub-ottimali che si fanno da noi. Di solito la disputa accademica è sull’area cui destinare le risorse per una nuova unita’di personale non sulla qualità del candidato. Per usare un parallelo che potrebbe sembrare irriverente è un po’come se esistesse il problema di accertarsi che chi va a fare la spesa scelga il prodotto migliore per i denari che è disposto a spendere.

Non penso che gli accademici italiani siano incapaci di scegliere o ancor peggio siano masochisti e deliberatamente acquisiscano collaboratori di qualità che non corrisponde al prezzo pagato. Ritengo che la spiegazione sia semplice: nel nostro sistema non vi e nessun incentivo alla ricerca del miglior candidato. Non esiste una efficace valutazione delle strutture accademiche e tanto meno vi è qualche cosa da perdere per una scelta sbagliata. Da qui la preferenza per chi è “famigliare”.

Il CUN, organo elettivo e quindi di rappresentanza di tutti noi, nel parere generale sulla proposta del governo, riassume bene le contraddizioni della nostra situazione. Da una parte da largo spazio a considerazioni giuridiche sulla mancanza di coerenza con il quadro normativo generale, regolato per legge, che guida il governo delle Istituzioni accademiche in Italia, e quindi del rischio di nullità di diversi aspetti della proposta. Dall’altra è sensibile a considerazioni di senso comune che privilegiano la necessita di far funzionare meglio i nostri Atenei e con forza rileva nel suo parere ufficiale della fine di Maggio 2007 il peggioramento dell’ultima versione della proposta rispetto alle precedenti in cui sono state quasi cancellate “la semplificazione delle procedure con conseguente celerità dei concorsi; la garanzia di alti livelli di qualità e trasparenza nei giudizi, anche grazie ad un saggio ricorso a valutatori esterni; la valutazione ex-post, che apriva alla possibilità di interventi sanzionatori e premiali”.

La vicenda sta probabilmente per concludersi in questi giorni e sembrerebbe naturale che la comunità Universitaria dibattesse in tutte le opportune sedi questo tema che ci riguarda cosi da vicino. Come dicevo all’inizio, questo vuole essere uno stimolo a suscitare l’interesse di tutti.

Authors’ Address

(1)
Paolo Menozzi
Dip.to di Scienze Ambientali, Università di Parma, v.le delle Scienze, I-43100 Parma (Italy)

Corresponding Author

Corresponding author
Paolo Menozzi
paolo.menozzi@unipr.it

Author’s Box

Paolo Menozzi è ordinario di Ecologia e Direttore del Dipartimento di Scienze Ambientali dell’Università di Parma.

 

Paper Info & Web Metrics

Citation:
Menozzi P (2007). Il reclutamento dei ricercatori universitari. Forest@ 4: 142-143. - doi: 10.3832/efor0461-0004

Paper’s History

Received: Jun 11, 2007
Accepted: Jun 11, 2007
Early Published: -
Publishing Date: Jun 19, 2007

(Waiting for server response...)

Article Usage

Total Article Views: 10195
(from publication date up to now)

Breakdown by View Type
HTML Page Views: 5359
Abstract Page Views: 1418
PDF Downloads: 2592
Citation Downloads: 154
XML Downloads: 503

Web Metrics
Days since publication: 4479
Overall contacts: 10195
Avg. contacts per week: 15.93

 
 
Close

 

 
´
Licenza Creative Commons
© SISEF - All the material included on this site is distributed under the license Creative Commons Attribution-NonCommercial 4.0 International.
 
© 2004-2018 SISEF
Editor-in-chief : Marco Borghetti (UNIBAS, Italy)
Web Manager: Gabriele Bucci (IBBR-FI/CNR, Italy)
Reg. Trib. PR no. 16/2004 - ISSN 1824-0119 
Close

Contents