logo

Journal of Silviculture and Forest Ecology

 
Forest@ - Journal of Silviculture and Forest Ecology
vol. 7, pp. 73-83 (Apr 2010)

7° SISEF Congress (Pesche, IS - 2007)
Development, adaptation, naturality and conservation
Guest Editors: Marco Marchetti, Roberto Tognetti

Research Articles

*Effects of thinning intensities in experimental plots of Black European pine in “Foreste Casentinesi, Monte Falterona and Campigna National Park” (Tosco-Romagnolo Apennine, Italy), eight years after the felling

L. Bianchi(1)Corresponding author, M. Paci(1), A. Bresciani(2)

 

Abstract

Different thinning intensities were compared in a 50-years-old plantation of Pinus nigra sp. located in the “Foreste Casentinesi Monte Falterona e Campigna” National Park (northern Apennine - Italy). Six experimental square plots (900 m2) were set up for comparison of two thinning intensities: heavy thinning (F: approximately 30% of basal area removed), light thinning (d: approximately 15% of basal area removed) and control (Co). The comparison concerned: (1) the periodic increment of the trees in terms of volume (Ipv), average dbh (Ipd), height (Iph) and the variation of height/diameter ratio (S) in time; (2) forest canopy cover, indirectly expressed in term of relative irradiance (I.R.). Eight years after the felling, the results highlight that F thinning: (a) increases the homogeneity of timber, as the stand volume is concentrated in dominant trees; (b) favours tree diameter increment: Ipd values increase significantly according to the thinning intensity; (c) reduces tree height increment (lower values of Iph were recorded in the F plots); (d) promotes stand stability: lower value of S are highlighted in F plots, and no significant increase of this parameter in time has been recorded. As regards canopy cover, a significant negative correlation was recorded between stand basal area after the thinning and I.R. at ground level. After harvesting, a significant difference in terms of average I.R. between thinning intensities (F, d and Co) was also recorded: nowadays, significant differences of average I.R. are observed between Co and d, whereas F shows intermediate values: the canopy gap originated from the felling has been quickly filled. Our results highlight the growth potential of Black European pine in the studied area; however, only heavy thinning shows interesting results in terms of both tree growth and stand stability.

Keywords: Pinus nigra, Thinning, Forest stand stability, Canopy cover, Forest management

Premessa 

Secondo l’Inventario Forestale della Toscana ([38]), i boschi a prevalenza di pino nero occupano 20496 ettari, di cui 7500 sono cedui coniferati e fustaie miste: tali dati sono in linea con quelli del recente Inventario Nazionale ([39]) che attribuisce ai rimboschimenti della conifera una superficie pari a 18427 ettari, di cui 10117 sono rappresentati da boschi puri.

La maggior parte di questi soprassuoli hanno ricevuto scarse e spesso occasionali cure colturali. La mancanza di diradamenti in molti casi ha portato ad uno stato di elevata fragilità che frequentemente determina crolli strutturali più o meno intensi ed estesi, rischiando di compromettere le azioni positive degli impianti in termini di difesa idrogeologica ([2], [49]).

Nella definizione classica, i diradamenti sono tagli intercalari che hanno fra le finalità principali il miglioramento della qualità della produzione legnosa, l’ottenimento di una certa quantità di prodotti intermedi, l’aumento della stabilità fisica e biologica del soprassuolo ([58]). Tali interventi, tuttavia, possono avere effetti positivi sulla rinaturalizzazione dei soprassuoli di origine artificiale ([26], [42], [10], [48], [13], [18]). La letteratura italiana ([30], [51]) e quella estera ([31], [23] e [24], [34], [28]) mettono in evidenza come modificazioni del grado di copertura del soprassuolo principale si manifestino con variazioni della radiazione luminosa al suolo, e come tutto ciò sia strettamente collegato con la possibilità di affermazione di piante nel piano di rinnovazione.

Il presente lavoro, iniziato nel 2000 da una collaborazione fra DISTAF dell’Università di Firenze e la Comunità Montana del Casentino (AR), ha come obbiettivo la valutazione degli effetti indotti dalla riduzione della copertura su: (1) incremento legnoso delle piante; (2) dinamiche successionali. Dal momento che la quantità di energia radiante che arriva sotto copertura è uno dei fattori che maggiormente influenzano le dinamiche evolutive ([45], [47], [67], [6], [7], [53]), le variazioni del grado di copertura indotte dal taglio intercalare sono state valutate in termini di modificazioni di disponibilità luminosa al livello del suolo.

L’ambiente 

L’area oggetto di studio è localizzata nel comune di Stia (AR), nella proprietà agricolo-forestale della Regione Toscana gestita dalla Comunità Montana del Casentino (complesso “Foreste Casentinesi”), all’interno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna.

Le temperature medie annue oscillano tra 9.2 °C della Verna (950 m s.l.m.), con 18 °C di escursione media annua, e 14 °C di Subbiano (300 m s.l.m.), con 16 °C di escursione media annua, mentre la piovosità va da 1700 mm annui a Camaldoli (1100 m s.l.m.), con massimo autunno-invernale e minimo estivo senza piovosità, a 1016 mm a Subbiano (con regime analogo a quello di Camaldoli, ma con due mesi aridi estivi).

Facendo riferimento alla classificazione del Pavari, l’area di studio si colloca in una fascia fra il Castanetum, sottozona fredda, e il Fagetum, sottozona calda.

Seguendo, invece, la classificazione climatica di Rivas-Martínez et al. ([61]) Stia può essere inquadrata nel macrobioclima temperato, bioclima oceanico temperato (Teoc), termotipo mediterraneo (Mte), ombrotipo umido (Hum).

Secondo la classificazione di Ozenda ([55]), la vegetazione del territorio preso in esame è inquadrabile nella fascia collinare (serie della roverella, del cerro, dei carpini e della farnia) e in quella montana (serie della faggeta e della faggeta-alpina).

Facendo riferimento alla carta della vegetazione potenziale della Regione Toscana di Mondino ([50]), nel territorio studiato si distinguono le zone delle cerrete (fino a 1000 m s.l.m.), dei castagneti (solo su suoli arenacei, fino a 900 m s.l.m.), delle faggete e delle abetine (oltre 900-1000 m s.l.m.).

La geologia del territorio in cui sono comprese le “Foreste Casentinesi” è quasi interamente rappresentata da arenaria Macigno dell’Olocene (Macigno del Chianti e Macigno del Mugello), con affioramenti di Marne di Vicchio nella zona di Moggiona.

L’impianto in cui è stata condotta l’indagine è una pineta di pino nero ubicata a 850 m s.l.m., con esposizione Est - Sud Est, che presenta una pendenza media del 20% ed è costeggiata da una strada forestale camionabile. Attualmente il soprassuolo ha un’età di 50 anni, anche se questa deve essere considerata come l’età prevalente del popolamento; infatti dopo l’impianto i risarcimenti sono proseguiti per 4-5 anni utilizzando anche materiale di diversa età (secondo le disponibilità del vivaio): il risultato è che in una stessa parcella l’età delle piante può variare in un range di 7-8 anni.

Materiali e metodi 

Nel 2001 sono state delimitate in maniera permanente sei parcelle, di forma quadrata con 30 m di lato, adiacenti ma separate le une dalle altre da “corridoi” di 10 m (corrispondenti a circa 4 file di piante). Al centro di ogni parcella è stato realizzato un transect lineare di 30 x 5 m; nel complesso l’intera area sperimentale occupa una superficie di 9600 m2.

In ciascuna parcella, per ogni pianta sono state eseguite le seguenti operazioni: 1) numerazione, 2) misura del diametro a 1.30 m (sono state prese due misure ortogonali fra loro per ogni individuo), 3) attribuzione della posizione sociale secondo tre categorie, prendendo spunto dalla classificazione di Kraft (in [58]): dominanti (D, con chioma inserita nella parte superiore dello strato, vigorosa ed omogeneamente espansa in ogni direzione), codominanti (Cd, con chioma inserita nella parte superiore dello strato ma almeno su un lato marcatamente compressa a seguito della concorrenza con gli individui adiacenti), dominate (dm, con chioma ridotta, del tutto o in parte compressa e spesso sovrastata da quella di individui limitrofi).

In ciascun transect, per ogni pianta è stato rilevato: (1) numero; (2) altezza totale (usando l’ipsometro Vertex II con transponder a 1.30 m).

Prima dell’attribuzione della tesi sperimentale sono state verificate le condizioni di omogeneità strutturali fra le parcelle ([12]). Successivamente a ciascuna coppia di parcelle è stata attribuita casualmente una tesi che prevedeva una diversa intensità di intervento: (1) asportazione del 15% dell’area basimetrica (d, parcelle I e V); (2) asportazione del 30% dell’area basimetrica (F, parcelle II e IV); (3) nessun intervento (Co, parcelle III e VI).

Il tipo di diradamento è quello che comunemente viene applicato dai tecnici della Comunità Montana del Casentino, ovvero un diradamento misto che abbina un diradamento dal basso (anche se occasionalmente qualche pianta dominata viene rilasciata) a interventi di selezione positiva volti a favorire individui particolarmente promettenti.

L’utilizzazione delle piante è avvenuta nel febbraio del 2002: delle piante abbattute è stato determinato il volume cormometrico (comprensivo di corteccia) con il metodo per sezioni di Heyer ([44]). Nel settembre del 2009 è stato rilevato il diametro a 1.30 m di ogni pianta di ciascuna parcella, per quelle ricadenti all’interno del transect è stata rilevata anche l’altezza.

Nel luglio 2002, 2006 e 2009 sono state eseguite le misure della radiazione solare. In particolare è stata misurata l’irradianza nel campo della PAR, utilizzando una coppia di ceptometri (Sun Scan Canopy Analysis System, AT Delta-T Devices Ltd). Le misure sotto copertura sono state eseguite lungo l’allineamento centrale di ciascun transect; simultaneamente sono stati rilevati i valori di irradianza in piena luce in un’ampia radura adiacente all’impianto. Le misure sono state eseguite durante le ore centrali del giorno, in un arco di tempo compreso fra le 11.30 e le 12.30 (ora solare), in giornate serene (situazione corrispondente ad almeno 1850 μmol m-2sec-1 in piena luce).

Elaborazione dei dati

Per valutare l’incremento medio periodico di volume (Ipv, m3 ha-1anno-1, riferito alle stagioni vegetative dal 2002 al 2008) è stata adottata una tavola di cubatura empirica messa a punto dai tecnici della Comunità Montana del Casentino per le pinete di pino nero del territorio. La tavola restituisce il volume cormometrico (V, espresso in m3, comprensivo di cimale e corteccia) in funzione del diametro a 1.30 m (dbh, espresso in cm) secondo il seguente algoritmo (eqn. 1):

\begin{equation} V= 0.0009 \cdot (dbh)^2 - 0.0071 \cdot dbh + 0.0412 \end{equation}

Ipv è stato calcolato per differenza (eqn. 2) fra il volume del soprassuolo subito dopo l’intervento (V1) e quello derivante dal rilievo delle piante nel 2009 (V2 - eqn. 2):

\begin{equation} Ipv = \frac{(V_2 - V_1)}{8} \end{equation}

Con i test dell’ANOVA e di Duncan (in caso di valori di F significativi) sono stati analizzati i valori medi di:

  • incremento periodico di diametro (Ipd, in cm), ponendo come fonti di variazione: (i) tesi; (ii) posizione sociale (escludendo le dm); e (iii) interazione (i x ii);
  • incremento periodico di altezza (Iph, in m), ponendo come fonti di variazione: (i) tesi; (ii) posizione sociale (escludendo le dm); e (iii) interazione (i x ii).
  • rapporto di ipsodiametrico (S = h/dbh), ponendo come fonti di variazione: i) tesi; (ii) posizione sociale (escludendo le dm); e (iii) interazione (i x ii).
  • Irradianza relativa (IR), ovvero il rapporto fra le misure di irradianza prese sotto copertura e quelle all’aperto, analizzata per ogni anno rilevato e ponendo come fonti di variazione le tesi.

Risultati 

Facendo riferimento alla situazione prima dell’intervento e riferendo i dati ad ha (Tab. 1), nelle parcelle sottoposte alla tesi F erano presenti 1200 individui, per un area basimetrica di 58.9 m2, in quelle della tesi d erano presenti 1360 piante, per un area basimetrica di 61.6, mentre nelle parcelle della tesi Co erano presenti 1200 piante, per un’area basimetrica di 55.8 m2.

Tab. 1 - Principali dati dendrometrici delle parcelle prima dell’intervento. n°: numero di piante; G: area basimetrica; dg: diametro della pianta con area basimetrica media; hdg: altezza della pianta con diametro pari a dg).
Parcella n°/ha G
(m2 ha-1)
dg
(cm)
hdg
(m)
I 1256 60.8 24.8 17.5
II 1222 59.8 25.0 17.6
III 1133 59.3 25.8 17.7
IV 1178 58.1 25.1 17.6
V 1467 62.3 23.3 17.2
VI 1267 52.2 22.9 17.1
Enlarge/Shrink Open in Viewer

Il taglio intercalare ha asportato, nella tesi F, il 26.4% dell’area basimetrica (in questo caso la massa asportata è stata inferiore a quella preventivata per non oltrepassare i limiti imposti dal Regolamento Forestale della Toscana - n. 48/R, DPGR 8 agosto 2003, art. 30) pari a 279.0 m3 ha-1 e al 40.3 % degli individui e nella tesi d il 14.5% dell’area basimetrica - pari a 143.1 m3 ha-1 e al 22% degli individui.

Incrementi periodici

Volume (Ipv)

Nella tesi F l’Ipv risulta pari a 11.6 m3 ha-1 anno-1, la massa in piedi è 460 m3 ha-1. Nella tesi d l’Ipv è pari a 12.2 m3 ha-1anno-1, la massa in piedi a 536 m3 ha-1; nella tesi Co l’Ipv è 9.3 m3 ha-1 anno-1, la massa in piedi 514 m3 ha-1. In Fig. 1 è riportata la ripartizione della massa in piedi delle piante distinte in base alla posizione sociale. Nella tesi F la maggior parte della massa è concentrata nelle piante D (59%) mentre in Co nelle Cd (50%). Le piante dm costituiscono il 10 % del volume in Co e solo l’1% in F, mentre nella tesi d si osservano valori intermedi.

Fig. 1 - Ripartizione della massa in piedi (volume cormometrico) fra le piante, distinte in base alla posizione sociale nelle tesi messe a confronto (per la simbologia si rimanda a materiali e metodi).
 
Enlarge/Shrink Open in Viewer

Diametro (Ipd)

L’ANOVA ha evidenziato differenze molto significative (p<0.01) dei valori medi di Ipd, confrontando sia le tesi (F[2; 449] = 13.21) sia le posizioni sociali (F[1; 449] = 89.43), mentre l’interazione fra le due suddette fonti di variazione non risulta statisticamente significativa. Il test di Duncan separa significativamente il valore medio rilevato in F (2.8 cm) da quello di d (2.4 cm), e quest’ultimo da quello di Co (2 cm). Lo stesso test mette in luce che Ipd medio per le piante D (3 cm) è significativamente più alto delle piante Cd (1.9 cm).

Altezza (Iph)

I valori medi di Iph, in base al test ANOVA, danno luogo a differenze molto significative (p<0.01) fra le tesi confrontate (F[2;118] = 6.95), ma non fra le posizioni sociali e l’interazione delle due fonti di variazione. In base al test di Duncan, Iph medio in Co (3.6 m) è significativamente più alto che in F (2.6 m), con valori intermedi in d (3.2 m), non significativamente diversi da quelli delle altre tesi.

Rapporto ipsodiametrico (S)

Subito dopo il taglio intercalare il valore medio di S è pari a 69 nelle tesi d e Co e a 70 in F: le differenze fra le tesi non sono statisticamente significative (F[2;118] = 0.33). Differenze molto significative (F[2;118] = 71.32, P<0.01) emergono invece fra le posizioni sociali (Cd = 76, D = 62).

L’ANOVA, per i valori medi di S nel 2009, evidenzia differenze significative (P<0.05) fra le tesi (F[2;118] = 3.18) e molto significative (P<0.01) fra le posizioni sociali (F[1;118] 90.24), mentre l’interazione fra le due fonti di variazione non risulta statisticamente significativa. Il test di Duncan mette in luce differenze significative tra le tesi Co (77) e F (70), mentre valori intermedi e non significativamente differenziati rispetto agli altri spettano a d (74). Lo stesso test evidenzia che il valore medio di S nella tesi Cd (82) è significativamente più alto di quello della tesi D (67). Il valore di S, dal 2002 e al 2009, è aumentato significativamente (F[2;236] = 3.039; p<0.05) solo nel caso delle tesi Co e d (Fig. 2).

Fig. 2 - Valori medi di S (con limiti fiduciari per p<0.05), distinti per tesi, subito dopo l’utilizzazione (2002) e nel 2009.
 
Enlarge/Shrink Open in Viewer

Variazione dell’irradianza relativa (I.R.)

I valori medi di irradianza sotto copertura sono cambiati sensibilmente nel corso della sperimentazione (Fig. 3).

Fig. 3 - Valori medi di I.R. (con limiti fiduciari per p<0.05): confronto fra tesi nelle varie annate di rilievo.
 
Enlarge/Shrink Open in Viewer

Nell’estate seguente all’intervento (2002), i valori medi di I.R. si differenziavano statisticamente (P<0.01) fra le tesi (F[2;1918] = 81.57): in particolare il test di Duncan evidenzia differenze significative fra tutte e tre le tesi messe a confronto (Co 9%, d 16%, F 21%).

I valori medi di I.R. rilevati sotto copertura in ciascuna parcella sono correlati negativamente (r=-0.92) e molto significativamente (P<0.01) con l’area basimetrica (G) ad ettaro (Fig. 4).

Fig. 4 - Correlazione fra area basimetrica (G) dopo il taglio intercalare e irradianza relativa media (IR ± e.s.).
 
Enlarge/Shrink Open in Viewer

In base all’ANOVA i valori medi di I.R. rilevati nel 2006 risultano significativamente (P<0.01) diversi fra le tesi (F[2;1553] = 53.1): il test di Duncan mette in evidenza differenze significative fra Co (8.6 %), da una parte, e d (15.5) ed F (15.8), omogenei fra loro, dall’altra.

Anche nel 2009 i valori medi di I.R. risultano significativamente (P<0.01) diversi fra le tesi (F[2;765] = 10.11), ma in questo caso la significatività emerge fra Co (9 %) e d (14.8 %), mentre F (12.5 %) non si differenzia in maniera significativa dalle altre due tesi.

Discussione 

Dopo 8 stagioni vegetative dall’intervento, i risultati della ricerca sono in linea sia con quelli ottenuti nelle pinete di pino laricio della Calabria ([21], [9], [4]), nei rimboschimenti di pino nero umbri ([20]) e in quelli toscani ([3], [18]): nelle pinete di buona fertilità, il pino manifesta una grande reattività al taglio intercalare, con accrescimenti proporzionati all’intensità dell’intervento. L’incremento periodico di volume stimato in questo studio per le parcelle diradate è riferibile a quello delle specie a rapido accrescimento (>10 m3 ha-1 anno-1 - [22]) ed è paragonabile con i risultati di indagini dendro-auxometriche condotte nelle pinete della zona ([52], [66]).

La posizione sociale degli individui prima del taglio intercalare esercita grande influenza sui successivi accrescimenti: i diradamenti non esaltano l’incremento legnoso delle piante di medie dimensioni (codominanti), bensì quello delle piante di maggiori dimensioni (dominanti). Riteniamo che il fenomeno sia dovuto al fatto che, all’aumentare dell’intensità del prelievo, aumenta la quantità di luce che arriva alla parte bassa della chioma: ne consegue che le piante che traggono maggior beneficio sono quelle la cui chioma è già ben sviluppata prima del taglio intercalare (piante dominanti).

A seguito dell’intervento più intenso la maggior parte della massa si concentra nelle piante dominanti, con ricadute positive sulla qualità degli assortimenti ottenibili a fine turno, dovuta alla maggiore uniformità del materiale legnoso ([9], [16]).

Come ampiamente dimostrato per l’abete rosso, l’abete bianco e la douglasia ([1], [43], [5], [63]) il rapporto h/dbh è inversamente correlato alla stabilità dei soprassuoli: tale parametro tende inoltre ad aumentare con l’età del popolamento. Nel nostro caso, l’influenza positiva del diradamento sulla stabilità delle piante del soprassuolo è evidente solo nella tesi F. Infatti, solo nella tesi in cui il diradamento è stato più intenso il valore medio di S è risultato significativamente inferiore rispetto a quello delle parcelle non diradate: tale valore, inoltre, non è variato significativamente negli ultimi 8 anni. Quest’aspetto evidenzia come solo gli interventi di una certa intensità siano efficaci nel promuovere la stabilità dei popolamenti, altrimenti destinata a diminuire nel tempo.

La progressiva riduzione dei valori di I.R. osservati nella tesi F indica il graduale recupero della copertura a seguito del taglio intercalare. Del resto, anche se non sono state fatte misurazioni specifiche per valutare l’espansione della chioma, è nota la relazione diretta fra sezione trasversale dell’alburno e LAI ([29], [15]). Nella tesi d, la presenza di un più elevato numero di piante Cd (con incrementi diametrici inferiori e quindi minor velocità di espansione della chioma) ostacola l’espansione della chioma delle piante D, determinando così la più lenta chiusura della copertura. Anche Sullivan et al. ([65]), in uno studio effettuato in una pineta di Pinus contorta del Nord America, osservano un maggior incremento medio dello sviluppo delle chiome nelle parcelle diradate più intensamente. Nei boschi di latifoglie in Québec (Canada), Beaudet & Messier ([7]) concludono che la differenza di radiazione luminosa sotto copertura tra le parcelle diradate e quelle non diradate decresce in funzione del tempo e che la velocità del cambiamento è molto maggiore nei primi anni dopo il taglio; ciò conferma i risultati di questo studio, secondo il quale dopo 8 anni le differenze fra F e Co sono ormai quasi azzerate. Il diradamento più intenso è evidentemente molto efficace ad esaltare le potenzialità incrementali della specie, senza pregiudicare, anche nel breve periodo, la continuità copertura.

Hale ([34]), per Picea sitkensis in Gran Bretagna, evidenzia come la correlazione tra irradianza relativa e intensità del diradamento possa essere usata come guida per i gestori che desiderano “modificare” l’ambiente luminoso al fine di incoraggiare la rinnovazione naturale. Per assicurare lo sviluppo del piano di rinnovazione in tali popolamenti è suggerito un livello di irradianza relativa minima del 20%, corrispondente a diradamenti di intensità pari al 45% dell’area basimetrica. La relazione che lega l’irradianza all’area basimetrica è sottolineata anche in altri studi ([40], [57],[25], [59], [35]), e nel nostro caso può essere quantificata in un aumento di circa il 10% della irradianza relativa in corrispondenza di una riduzione di 10 m2 di area basimetrica. Tutto ciò potrebbe assumere un significato negli interventi di rinaturalizzazione tramite sottopiantagione, come proposto da Grifoni ([32]) e Cantiani et al. ([19]), nel momento in cui si vogliano creare le condizioni idonee per lo sviluppo delle piante introdotte. A tal fine, il taglio intercalare dovrà precedere l’intervento di sottopiantagione e l’intensità sarà in funzione del livello di irradianza che si vuol ottenere all’interno dell’impianto, a sua volta legata alle esigenze della specie che si vuol introdurre ([13]). Un lavoro inerente a sottopiantagioni di Picea glauca e Pinus banksiana ([46]) in boschi misti a dominanza di pioppo (Populus tremuloides) e betulla (Betula papyrifera) evidenzia che l’accrescimento dei semenzali aumenta con l’intensità del prelievo prima della sottopiantagione, e mette in rilievo alti rischi di insuccesso qualora si effettuino sottopiantagioni in soprassuoli non diradati. Krasowski & Wang ([41]), confrontando l’effetto sulla rinnovazione di Abies lasiocarpa di diverse intensità di diradamento in popolamenti di Betula papirifera, pongono l’accento su come la copertura residua influenzi positivamente lo sviluppo dei semenzali, e concludono che i diradamenti sono il modo migliore per gestire soprassuoli misti di conifere e latifoglie.

Studi condotti in Giappone ([68]) evidenziano che i diradamenti sono efficaci per promuovere l’insediamento dei semenzali nel piano di rinnovazione nelle pinete litoranee di Pinus thunbergii, con densità crescenti con l’intensità dell’intervento. Sullivan et al. ([65]) concludono che, in giovani soprassuoli di Pinus contorta del Nord America sottoposti a diverse intensità di diradamento, dopo dieci anni dall’intervento sia l’incremento medio delle piante sia la diversità specifica e strutturale del soprassuolo sono significativamente più alti nei popolamenti più radi (dove cioè il grado di diradamento è stato forte o medio), rispetto a quelli più densi (soprassuoli diradati debolmente o non diradati). Cameron ([16]) e Nyland ([53]) evidenziano come i diradamenti siano essenziali per passare da strutture regolari a strutture irregolari, le più idonee nel favorire una maggiore diversità di nicchia nei popolamenti forestali ([27], [54], [56]).

In uno studio condotto sulle dinamiche strutturali delle pinete di pino nero del Casentino ([10]) è stato osservato che, in popolamenti analoghi (per caratteristiche stazionali ed età del popolamento) a quello oggetto della nostra indagine, è presente (o comunque si inizia a delineare) un piano inferiore di latifoglie (acero montano, frassini, cerro, castagno, ecc.) con o senza partecipazione di abete bianco. Nella pineta oggetto di questo studio l’assenza di un piano di successione non è attribuibile né alla disponibilità di seme (nelle immediate vicinanze sono presenti abetine di abete bianco, cerrete, faggete, oltre a gruppi di piante di frassino maggiore, castagno, acero di monte, ecc.) né a livelli radiativi insufficienti (quelli rilevati sarebbero comunque compatibili con le esigenze di molte specie tolleranti l’ombra). Riteniamo piuttosto che il vero fattore limitante per la rinnovazione forestale sia costituito dal carico di ungulati presente nelle Foreste Casentinesi (Fig. 5). Nel territorio in cui si è svolta l’indagine sono presenti popolazioni di cervo, capriolo, daino, cinghiale: la sola popolazione di cervo presenta una densità di 15.5 capi per 100 ha ([33]). Vale la pena di segnalare che l’impatto negativo dell’eccessivo carico di fauna ungulata sulle dinamiche successionali è ampiamente documentato sia nel territorio del Parco ([14]), sia in altre zone italiane ed estere ([62], [17], [8], [36] [37], [60]).

Fig. 5 - Semenzali di abete bianco di 1 anno (sulla sinistra) e di 4 anni (quest’ultimo ripetutamente brucato).
 
Enlarge/Shrink Open in Viewer

Conclusioni 

Il taglio intercalare promuove l’incremento legnoso delle piante, fenomeno evidente soprattutto con l’intervento più intenso e per le piante con chioma ben conformata (dominanti). Il diradamento meno intenso influisce poco sulla qualità e sull’omogeneità degli assortimenti ritraibili a fine turno, inoltre è meno efficace nel promuovere l’incremento diametrico e la stabilità delle piante del soprassuolo.

Gli impianti adulti di pino nero, nelle situazioni di miglior fertilità, evolvono piuttosto velocemente verso il bosco misto con latifoglie ([49], [10]). Col presente lavoro si è cercato di mettere in evidenza che, con le comuni pratiche colturali, si creano anche le condizioni favorevoli per “l’avvio” di dinamiche successionali. Intervenendo con un’appropriata intensità di prelievo, il gestore potrà indirizzare la dinamica dei popolamenti mediante sottopiantagioni di specie di pregio se queste non sono presenti, o selezionando quelle in ingresso. Il soprassuolo di pino rimasto in piedi, oltre a garantire ottimi accrescimenti, svolgerà una funzione protettiva nei confronti dei piani inferiori. La frequenza e l’intensità degli interventi sarà dettata dalle esigenze luminose delle specie in ingresso e dalla necessità di ridurre i danni al novellame ([64]) al fine di garantirne uno sviluppo ottimale. Quando uno o più piani inferiori sono definiti, gli interventi colturali assumono una funzione diversa da quella dei tradizionali diradamenti, divenendo “tagli di liberazione” mirati alla progressiva affermazione dei piani inferiori ([11]).

La gestione dei soprassuoli forestali mirata ad assecondarne le dinamiche evolutive trova nell’eccessiva pressione della fauna uno dei fattori maggiormente limitanti, al punto di sconsigliarne l’applicazione fino a quando l’equilibrio fra carico di animali selvatici e offerta alimentare del territorio non sia ristabilito.

Ringraziamenti 

Hanno collaborato ai rilievi in campo: Alessandro Varallo, Francesco Calzolari, Filippo Cartei, Enrico Stefanini, Francesca Giannetti. Gli autori sono grati alle guardie e agli operai della Comunità Montana del Casentino per il costante impegno con il quale hanno seguito negli anni la sperimentazione.

Bibliografia

(1)
Abetz P (1976). Beiträge zum Baumwachstum, Der h/d-Wert- mehrals ein Schlankheitsgrad! Forst- Holzwirt 31: 389-393.
::Google Scholar::
(2)
Amorini E, Fabbio G (1992). La gestione dei rimboschimenti di pino nero. Monti e Boschi 4: 27-29.
::Google Scholar::
(3)
Amorini E (1983). Prove di diradamento nella pineta di pino nero di Monte della Modina sull’Appennino toscano. Annali Ist. Sper. Selv. XIV: 103-147.
::Google Scholar::
(4)
Avolio S, Bernardini V (2008). Risultati di prove di diradamento in rimboschimenti di pino laricio. Annali CRA - Centro Ric. Selv. 35: 51-60.
::Google Scholar::
(5)
Bachofen H, Zingg A (2001). Effectiveness of structure improvement thinning on stand structure in subalpine Norway spruce (<i>Picea abies</i> (L.) Karst.) stands. Forest Ecology and Management 145: 137-149.
::CrossRef::Google Scholar::
(6)
Battaglia MA, Mou P, Palik B, Mitchell RJ (2002). The effect of spatially variable overstory on the understory light environment of an open-canopied longleaf pine forest. Can. J. For. Res. 32: 1984-1991.
::CrossRef::Google Scholar::
(7)
Beaudet M, Messier C (2002). Variation in canopy openness and light transmission following selection cutting in northern hardwood stands: an assessment based on hemispherical photographs. Agricultural and Forest Meteorology 110: 217-228.
::CrossRef::Google Scholar::
(8)
Berretti R, Motta R (2005). Ungulati selvatici e Foresta. I danni prodotti alla rinnovazione naturale del Parco. Quaderni del Parco 5, Ente Parco Naturale Paneveggio-Pale di San Martino, Trento.
::Google Scholar::
(9)
Berti S, Mannucci M (1995). Influenza dei diradamenti sulle caratteristiche dei fusti e sugli assortimenti legnosi in pinete artificiali di pino laricio. Ann. Ist. Sper. Selv. XXIV: 105-125.
::Google Scholar::
(10)
Bianchi L, Paci M (2002). Tipologia delle pinete di pino nero del Parco Nazionale Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna. Ann. Acc. It. Sc. For. 51: 73-120.
::Google Scholar::
(11)
Bianchi L, Paci M (2008). Dinamica evolutiva e gestione delle abetine toscane: sintesi di quarant’anni di ricerche. Forest@ 5: 122-130.
::CrossRef::Google Scholar::
(12)
Bianchi L (2003). Analisi comparativa di intensità di diradamento in parcelle sperimentali di pino nero nel Parco Nazionale Foreste Casentinesi Monte Falterona e Campigna (AR-FC). Tesi di dottorato di ricerca in Arboricoltura da legno, Università degli Studi della Basilicata, Potenza.
::Google Scholar::
(13)
Bianchi L, Maltoni A, Mariotti B, Paci M (2005). Il pino nero e il pino laricio. In: “La selvicoltura delle pinete della Toscana”.ARSIA, Regione Toscana, pp. 25-61.
::Google Scholar::
(14)
Bianchi L, Paci M, Tartaglia C (2007). Rinnovazione naturale di abete bianco. Caratteri del novellame e danni da fauna. Sherwood 129: 7-12.
::Google Scholar::
(15)
Borghetti M, Vendramin G, Giannini R (1986). Specific leaf area and leaf area index distribution in a young Douglas-fir stand. Can. J. For. Res. 16: 1283-1288.
::CrossRef::Google Scholar::
(16)
Cameron AD (2002). Importance of early selective thinning in the development of long-term stand stability and improved log quality: a review. Forestry 75: (1): 25-35.
::CrossRef::Google Scholar::
(17)
Candullo G, De Battisti R, Colpi C, Vazzola C, Da Ronch F (2003). Ungulate damage and silviculture in the Cansiglio Forest (Veneto Prealps, NE Italy). J. Nat. Conserv. 10: 233-241.
::CrossRef::Google Scholar::
(18)
Cantiani P, Piovosi M (2008). La gestione dei rimboschimenti di pino nero appenninici. I diradamenti e nella strategia di rinaturalizzazione. Ann. CRA - Centro Ric. Selv. 35: 35-42.
::Google Scholar::
(19)
Cantiani P, Ciofini A, Cutini A, Piovosi M, Samaden S (2003). Prove di rinaturalizzazione di rimboschimenti di pino nero in Pratomagno (AR). “Verso foreste più naturali”, Ponte Buriano (AR), 12 giugno 2003-luglio-03, Sherwood 91 (2): 13-17.
::Google Scholar::
(20)
Cantiani P, Iorio G, Pelleri F (2005). Effetti di diradamenti in soprassuoli di pino nero (Pettenaio, Perugia). Forest@ 2 (2): 207:216.
::Online::Google Scholar::
(21)
Ciancio O, Portoghesi L (1995). Prove sperimentali di diradamento in popolamenti artificiali di pino laricio sui Monti Cimini. Ann. Ist. Sper. Selv. XXIV: 79-90.
::Google Scholar::
(22)
Ciancio O, Mercurio R, Nocentini S (1982). La sperimentazione di specie forestali esotiche in Italia. Risultati dopo un sessantennio. Ann. Ist. Sper. Selv. XIII: 105-731.
::Google Scholar::
(23)
Coates DK, Burton PJ (1997). A gap-based approach for development of silvicultural system to address ecosystem management objectives. Forest Ecology and Management 99: 337-354.
::CrossRef::Google Scholar::
(24)
Coates DK, Burton PJ (1999). Growth of planted tree seedlings in response to ambient light levels in northwestern interior cedar-hemlock forests of British Columbia. Can. J. For. Res. 29: 1374-1382.
::CrossRef::Google Scholar::
(25)
Comeau PG (2002). Relationships between stand parameters and understorey light in boreal aspen stands. BC Journal of Ecosystems and Management 1(2): 103-110.
::Google Scholar::
(26)
De Mas G (1993). Tecniche selvicolturali nel restauro ambientale. L’esempio della rinaturalizzazione di aree rimboschite con pino nero. Monti e Boschi 1: 16-22.
::Google Scholar::
(27)
Di Castri F, Younes T (1990). Fonction de la diversité biologique au sein de l’écosystème. Acta Oecologica 11: 429-444.
::Google Scholar::
(28)
Diaci J (2002). Regeneration dynamics in a Norway spruce plantation on a silver fir-beech forest site in the Slovenian Alps. Forest Ecology and Management 161 (1): 27-38.
::CrossRef::Google Scholar::
(29)
Granier A (1981). Etude des relations entre la section du bois d’aubier et la masse foliaire chez le douglas (<i>Pseudotsuga menziesii</i> Mirb. Franco). Ann. Sc. For. 38 (4): 503-512.
::CrossRef::Google Scholar::
(30)
Grassi G, Minotta G, Bagnaresi U (2000). Rinnovazione naturale e acclimatazione alla luce in boschi alpini di conifere. In: Atti del II Congresso Nazionale S.I.S.E.F., Bologna 1999. Edizioni AvenueMedia, Bologna.
::Google Scholar::
(31)
Gray AN, Spies TA (1996). Gap size, within-gap position and canopy structure effects on conifer seedling establishment. Journal of Ecology 84: 635-645.
::CrossRef::Google Scholar::
(32)
Grifoni F (2003). Arricchimento di popolamenti diversi tramite sottopiantagioni e piantagioni di rovere. Considerazioni sulle fasi iniziali. Sherwood Suppl. 91 (2).
::Google Scholar::
(33)
Gualazzi S, Orlandi L, Martini F (2007). Monitoraggio faunistico di base e studi di eco-etologia delle comunità ornitiche nel patrimonio agricolo forestale della Regione Toscana, Complesso Foreste Casentinesi. Regione Toscana, Comunità Montana del Casentino (relazione non pubblicata).
::Google Scholar::
(34)
Hale SE (2003). The effect of thinning intensity on the below canopy light environmentn in a Sitka spruce plantation. Forest Ecology and Management 179: 341-349.
::CrossRef::Google Scholar::
(35)
Hale SE, Levy PE, Barry A, Gardiner BA (2004). Trade-offs between seedling growth, thinning and stand stability in Sitka spruce stands: a modelling analysis. Forest Ecology and Management 187: 105-115.
::CrossRef::Google Scholar::
(36)
Heuze P, Schnitzler A, Klein F (2005a). Consequences of increased deer browsing winter on silver fir and spruce regeneration in the Southern Vosges Mountains: implications for forest management. Ann. For. Sc. 62: 175-181.
::CrossRef::Google Scholar::
(37)
Heuze P, Schnitzler A, Klein F (2005b). Is browsing the major factor of silver fir decline in the Vosges Mountains of France? Forest Ecology and Management 217: 219-228.
::CrossRef::Google Scholar::
(38)
Hofmann A, Goretti D, Merendi GA, Tabacchi G, Vignoli M, Bernetti G (1998). L’inventario forestale. In: “Boschi e macchie di Toscana”. Regione Toscana, Giunta Regionale. Edizioni regione Toscana, Firenze.
::Google Scholar::
(39)
INFC (2007). Le stime di superficie 2005. Seconda parte. In: “Inventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio” (Tabacchi G, De Natale F, Di Cosmo L, Floris A, Gagliano C, Gasparini P, Salvadori I, Scrinzi G, Tosi V eds). MiPAF, Corpo Forestale dello Stato, Ispettorato Generale, CRA - ISAFA, Trento.
::Online::Google Scholar::
(40)
Jenkins MW, Chambers JL (1989). Understory light levels in mature hardwood stands after partial overstory removal. Forest Ecology and Management 26: 247-256.
::CrossRef::Google Scholar::
(41)
Krasowski MJ, Wang JR (2003). Aboveground growth responses of understory <i>Abies lasiocarpa</i> saplings to different relase cuts. Can. J. For. Res. 33: 1593-1601.
::CrossRef::Google Scholar::
(42)
La Marca O, Vidulich A (1997). Rinaturalizzazione e gestione del patrimonio forestale nelle aree protette. In: Atti del Convegno sul tema “Parchi e riserve naturali: conservazione e ricerca ieri e oggi”. Accademia Nazionale dei Lincei, Roma 5 giugno 1996. Atti dei Convegni Lincei 132: 61-78.
::Google Scholar::
(43)
La Marca O (1983). Il problema degli schianti nei boschi. Ricerche sperimentali su alcuni popolamenti di conifere. Annali Accademia Italiana di Scienze Forestali XXXII: 69-114.
::Google Scholar::
(44)
La Marca O (1999). Elementi di dendrometria. Patron Editore, Padova.
::Google Scholar::
(45)
Lieffers VJ, Messier C, Stadt KJ, Gendron F, Comeau PG (1999). Predicting and managing light in the understory of boreal forests. Can. J. For. Res. 29: 796-811.
::CrossRef::Google Scholar::
(46)
Macdonald GB, Thompson DJ (2003). Responses of planted conifers and natural hardwood regeneration to harvesting, scalping, and weeding on a boreal mixedwood site. Forest Ecology and Management 182: 213-230.
::CrossRef::Google Scholar::
(47)
Malcolm DC, Mason WL, Clarke GC (2001). The trasformation of conifer forests in Britain regeneration, gap size and silvicultural systems. Forest Ecology and Management 151: 7-23.
::CrossRef::Google Scholar::
(48)
Mercurio R (2003). La rinaturalizzazione dei rimboschimenti: tra aspettative e realtà scientifica. In: Atti del III Congresso SISEF “Meridiani e Foreste”, Rifreddo (PZ) 7-10 Ottobre 2003, pp. 19-25.
::Google Scholar::
(49)
Mondino GP, Bernetti G (1998). I tipi forestali. In “Boschi e macchie di Toscana”. Regione Toscana, Giunta Regionale. Edizioni regione Toscana, Firenze.
::Google Scholar::
(50)
Mondino GP (1998). Carta della vegetazione forestale potenziale. In “Boschi e macchie di Toscana”. Regione Toscana, Giunta Regionale. Edizioni regione Toscana, Firenze.
::Google Scholar::
(51)
Nolè A, Saracino A, Borghetti M (2003). Microclima luminoso, rinnovazione naturale e distribuzione spaziale di <i>Abies alba</i> mill. nell’abetina di Laurenzana, Basilicata. IFM 1: 7-21.
::Google Scholar::
(52)
Notarangelo G (1999). Possibilità per l’arboricoltura da legno in impianti artificiali derivati da rimboschimento. Il caso delle pinete di pino nero del Casentino (Arezzo). Tesi di Dottorato di ricerca in Arboricoltura da legno, Università della Basilicata, Potenza.
::Google Scholar::
(53)
Nyland RD (2003). Even- to uneven-aged: the challenge of conversion. Forest Ecology and Management 172: 291-300.
::CrossRef::Google Scholar::
(54)
Oldeman RAA (1994). Sur les écosistèmes forestiers: quatre principles sylvologiques. L’Italia Forestale e Montana 1: 1-16.
::Google Scholar::
(55)
Ozenda P (1985). La vegetation de la Chaîne Alpine. Masson Editeur, Paris, France.
::Google Scholar::
(56)
Paci M (1999). La diversità degli ecosistemi forestali. In: Atti del “II Convegno Nazionale di Selvicoltura” (Magni M, Giordano E, Di Girolamo C eds), Venezia 24-27 giugno 1998, IV: 19-38.
::Google Scholar::
(57)
Page LM, Cameron AD, Clarke GC (2001). Influence of overstorey basal area on density and growth of advance regeneration of Sitka spruce in variably thinned stands. Forest Ecology and Management 151: 25-35.
::CrossRef::Google Scholar::
(58)
Piussi P (1994). Selvicoltura generale. UTET, Torino.
::Google Scholar::
(59)
Prévost M, Pothier D (2003). Partial cuts in a trembling-conifer stand: effects of microenviromental conditions and regeneration dynamics. Can. J. For. Res. 33 (1): 1-15.
::CrossRef::Google Scholar::
(60)
Pépin D, Renaud PC, Boscardin Y, Goulard M, Mallet C, Anglard F, Ballon P (2006). Relative impact of browsing by red deer on mixed coniferous and broad-leaved seedlings - An enclosure-based experiment. Forest Ecology & Management 222: 302-313.
::CrossRef::Google Scholar::
(61)
Rivas-Martínez S, Daniel Sánchez-Mata E, Costa M (2001). Worldwide bioclimatic classification system.
::Online::Google Scholar::
(62)
Senn J, Suter W (2002). Ungulate browsing on silver fir (<i>Abies alba)</i> in the Swiss Alps: beliefs in search of supporting data. Forest Ecology and Management 181: 151-164.
::CrossRef::Google Scholar::
(63)
Slodicak M, Novak J (2006). Silvicultural measures to increase the mechanical stability of pure secondary Norway spruce stands before conversion. Forest Ecology and Management 224: 252-257.
::CrossRef::Google Scholar::
(64)
Stokes V, Kerr G, Ireland D (2009). Seedling height and the impact of harvesting operations on advance regeneration of conifer species in upland Britain. Forestry 82 (2): 185-198.
::CrossRef::Google Scholar::
(65)
Sullivan TP, Sullivan DS, Lindgren PMF (2000). Stand structure and small mammals in young Lodgepole pine forest: 10-year results after thinning. Ecological Applications 11: 1151-1173.
::CrossRef::Google Scholar::
(66)
Varallo A (2000). Indagine auxometrica ed indicazioni evolutive sulle pinete casentinesi. Tesi di laurea, Dip.to di Scienze e Tecnologie Ambientali Forestali, Università di Firenze, Firenze.
::Google Scholar::
(67)
Wetzel S, Burgess D (2001). Understorey environment and vegetation response after partial cutting and site preparation in <i>Pinus strobus</i> L. stands. Forest Ecology and Management 151: 43-59.
::CrossRef::Google Scholar::
(68)
Zhu J, Matsuzak T, Lee F, Gonda Y (2003). Effect of gap size created by thinning on seedling emergency, survival and establishment in a coastal pine forest. Forest Ecology and Management 182: 339-354.
::CrossRef::Google Scholar::

Authors’ Address

(1)
L. Bianchi, M. Paci
DISTAF, Università degli Studi di Firenze, v. S. Bonaventura 13, I-50145 Firenze
(2)
A. Bresciani
Comunità Montana del Casentino, Servizio Gestione Patrimoni Agricolo - Forestali, v. Roma 203, I-52013 Ponte a Poppi (AR)

Corresponding Author

 

Paper Info & Web Metrics

Citation:
Bianchi L, Paci M, Bresciani A (2010). Effetti del diradamento in parcelle sperimentali di pino nero in Casentino (AR): risultati a otto anni dall’intervento. Forest@ 7: 73-83. - doi: 10.3832/efor0616-007

Academic Editor: Agostino Ferrara

Paper’s History

Received: Nov 12, 2009
Accepted: Feb 18, 2010
Early Published: -
Publishing Date: Apr 01, 2010

(Waiting for server response...)

Article Usage

Total Article Views: 18158
(from publication date up to now)

Breakdown by View Type
HTML Page Views: 12687
Abstract Page Views: 729
PDF Downloads: 3702
Citation Downloads: 6
XML Downloads: 904

Web Metrics
Days since publication: 3541
Overall contacts: 18158
Avg. contacts per week: 35.90

 
 
Close

 

 
´
Licenza Creative Commons
© SISEF - All the material included on this site is distributed under the license Creative Commons Attribution-NonCommercial 4.0 International.
 
© 2004-2018 SISEF
Editor-in-chief : Marco Borghetti (UNIBAS, Italy)
Web Manager: Gabriele Bucci (IBBR-FI/CNR, Italy)
Reg. Trib. PR no. 16/2004 - ISSN 1824-0119 
Close

Contents